martedì 13 dicembre 2011

Di Groupon, Kafka e della consapevolezza.

Sono sempre di più le notizie di insoddisfazione relative al social commerce ma quella di cui vi parlo questa sera è veramente emblematica. Negli alert che ho attivato su tutte le parole relative al social commerce, oggi mi è arrivato un link dal titolo Situazione Groupon

I titolari dell'Hotel Antica Casa Diana, con evidente imbarazzo, raccontano come un'offerta effettuata con Groupon sia diventata una storia kafkiana che, a quanto scritto, mette in una posizione veramente difficile l'azienda americana. 

Questo è il passo più significativo della lettera dei gestori del Casa Diana (7 camere in totale) 


La notizia questa sera, dopo un tweet di Roberta Milano, la prof. ganziale per intenderci, 


ha tracimato su Twitter e l'hanno cinguettata una marea di persone, creando quell'effetto che in molti sperano quando si affidano a Groupon. La pubblicità! Ecco allora un'altra frase significativa che voglio porre alla vostra attenzione


Non solo la struttura ha avuto problemi nel garantire e onorare i coupon, ma ha subito anche gravi stress nel normale svolgimento aziendale, perdendo oltre 24 ore di possibili prenotazioni telefoniche di clienti abituali derivanti dalla normale attività.

Ho provato a risalire all'offerta per vedere se Groupon in qualche modo fosse corsa ai ripari. Ma oltre il danno la beffa. Pochi minuti fa ho googlato "casa diana groupon" e mi è successo questo


Ho cliccato su prenota nel riquadro della piscina (-66%) e si è aperta questa finestra


Quindi Groupon non solo pare abbia venduto una quantità esagerata di coupon (oltre il pattuito) ma utilizza ancora l'offerta bloccata per captare email di utenti ignari dell'accaduto. Addirittura, se su Google cercate "offerte antica casa diana", c'è ancora ben alto (quarta posizione) il link alla pagina dell'offerta Groupon che crea evidentemente distrazione anche in chi già conosceva la struttura. Adesso ci sarà da misurare l'ultima variabile dell'effetto Groupon: secondo voi la reputazione della struttura riceverà dei benefici da questa operazione? Segnatevi che oggi su Tripadvisor la valutazione è 3,5 palle e su Booking un bell'ottimo con 8,5. Vedremo. 

In BTO Lidia Marongiu presentando "Social Commerce nel turismo. Chi ci guadagna?" - la ricerca di Progetto WTM che su Slideshare ha oltre 2100 visualizzazioni - lanciava un quesito che ripropongo: quale consapevolezza hanno gli operatori?