Tripadvisor e le grandi manovre nel mondo della ristorazione in attesa dello sbarco in Europa.

Da qualche mese i grandi player del mercato turistico online stanno riposizionando le loro attività. Priceline e Tripadvisor si stanno spostando con molta agilità dagli allotment degli hotel (duramente provati dalle commissioni di quote di mercato che passano da off a online) ai tavoli dei ristoranti. Gia da qualche mese Officina Turistica segue queste dinamiche.

Molto significativa la chiacchierata con Nicoletta Polliotto iniziata su questo blog e portata avanti in due convegni a Firenze in occasione di Vetrina Toscana e BTO 2014.

Perché ritorniamo su questo argomento? Perché la ristorazione ha subìto e continuerà a subire grandi trasformazioni nella sua fase distributiva. Se prima il cliente si attendeva al ristorante adesso lo si conquista su internet o per telefono con il food delivery, con packaging studiati. Con Groupon e Uber che operano già esperimenti distributivi grazie all’online e al mobile. Ma c’è di più. Da qualche giorno Tripadvisor ha messo in moto una serie di piccole “attenzioni” nei confronti dei filtri dedicati alle sezioni che parlano dei ristoranti.

ristoranti_tripadvisor

Come vedete sono apparse le categorie Ristoranti, Dessert, Caffè, Panetterie, Gelati ecc…

Da pochi giorni il sito americano presenta, per esempio a Roma, una serie di nuovi filtri che consentiranno, una volta affinati i database e gli algoritmi, di separare in categorie diverse bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie. (Al momento su Roma la selezione ancora pare debba ottimizzarsi, ma se provate su Londra le offerte sembrano meglio selezionate). Non è un caso se Tripadvisor filtra queste scelte. Addirittura, per ogni selezione si può affinare la ricerca per disponibilità, classifica, nome, tariffa.

selezione_tripadvisor

Sicuramente starà cercando di selezionare ristoranti che, a differenza di locali meno strutturati, consentano di piazzare prenotazioni online grazie alla definitiva implementazione tra La Fourchette e altri siti recentemente acquistati dal gufo e la piattaforma Tripadvisor.

Dunque, mentre tutta Italia festeggiava la multa di 500 mila euro comminata dall’autorità garante della concorrenza a Tripadvisor, gli strateghi americani stavano organizzando l’offensiva europea. La Fourchette o The Fork (la versione onglese) hanno consentito a Kaufer & Co. di sbarcare in Europa per aggredire il mercato più vulnerabile e più ricco, se gli albergatori hanno reagito poco e male all’offensiva della OTA, i ristoratori vedranno cambiare radicalmente la distribuzione dei loro servizi e non credo abbiano, in particolare in Italia, organizzazioni talmente elastiche e reattive a tali mutamenti.

Pensate quanto spende una famiglia durante una vacanza di ristorazione rispetto al semplice alloggio. I ristoranti e la prenotazione diretta del tavolo rappresentano un business di dimensioni molto grandi, in particolare la prenotazione da mobile.

Mentre in Italia si brinda all’offensiva sulle recensioni, Tripadvisor sbarca in Francia in grande stile e conquista una bella fetta di mercato.

Non mi meraviglierei se nei prossimi giorni, dopo l’ottimizzazione dei filtri di selezione delle risorse delle aziende food, Tripadvisor annunciasse lo sbarco e la definitiva invasione delle sale dei ristoranti di gran parte d’Europa. I mezzi da sbarco sono pronti…

the_fork

Continuo a pensare che il ruolo delle associazioni di categoria sarebbe strategicamente corretto se spiegasse agli operatori come prepararsi a gestire questi nuovi fenomeni con una formazione professionale mirata, piuttosto di cercare di annientare un sito dove coloro che fanno recensioni false sono “clienti frustrati” di “ristoratori che scrivono pessime recensioni sui colleghi”.

À la guerre comme à la guerre!

Robi Veltroni

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.