Pietrarsa, tra ottimismo e un grande equivoco

0
Pietrarsa, piano strategico del turismo 2016

Con il bel discorso di Matteo Renzi si è conclusa la tre giorni di Pietrarsa, una delle tappe per arrivare alla formulazione del Piano Strategico per il Turismo.

Ho già spiegato che il valore del Piano non è tanto nei suoi contenuti e nelle decisioni che scaturiranno, quanto nel confronto che è alla base del processo di “pianificazione”. Pietrarsa è stata, prima ancora delle presentazioni di Ministri e speaker, una grande occasione di confronto vero tra tante persone che fanno un lavoro pazzesco per il turismo italiano. A Pietrarsa erano assenti tante persone che hanno molto da dire e ci sono stati anche discorsi e presentazioni poco “inspiring” e inutili. Tuttavia, per una volta è giusto sottolineare un risultato per nulla scontato condiviso da tanti partecipanti all’evento: la sensazione che non sia stata una perdita di tempo. E, credetemi, non è facile organizzare con i vincoli e i rituali propri della pubblica amministrazione eventi che ricorderemo come utili e speriamo, l’inizio di una nuova era. Grazie a chi ci ha provato e ci è riuscito.

Il grande equivoco è nello slogan del Piano Italia paese per viaggiatori. Non mi riferisco alla consueta querelle turisti-viaggiatori, quanto al messaggio sotteso e cioè che ci sia un pianificatore capace di scegliere quale sia la domanda turistica adatta all’Italia. È l’equivoco dello stato interventista ed imprenditore. È vero che l’economia turistica dipende più di altre dall’intervento dello Stato; la tutela del paesaggio, la sicurezza, le infrastrutture sono esempi di beni che solo lo Stato può fornire. Tuttavia, ci sono altri ambiti dove la discrezionalità dell’intervento dello Stato andrebbe abrogata o quanto meno rivista. Prendiamo lo storytelling e l’innovazione tanto care al Premier. Fino a che punto l’ingresso alla professione di guida turistica regolata per legge è una garanzia di qualità del servizio? Davvero una preparazione in storia dell’arte verificata da un esame è il miglior modo per scremare innovatori del racconto dei nostri beni culturali? E che dire delle leggi su sicurezza e dintorni che costano alcune migliaia di euro alle imprese, una cifra che per quelle localizzate nei piccoli borghi cari al Ministro è spesso la differenza tra sperare o chiudere? E ancora, fino a che punto si favorisce l’incremento del turismo nelle località minori se lo sviluppo aereoportuale è stretto da un piano dove c’è spazio per tutti gli aeroporti e tasse per pagare contributi generosi agli ex dipendenti di Alitalia? Gli esempi potrebbero continuare. Per chi ha tempo e pazienza suggerisco la lettura di uno dei tanti post di Raffaello Zanini su urbanistica e turismo nella prospettiva di un rapporto più equilibrato tra stato interventista e libera iniziativa privata.

Insomma, se il Presidente del Consiglio ascoltasse di più le voci dal campo, si accorgerebbe di quanta competenza, ottimismo e capacità di storytelling è ricca l’Italia. E se il Ministro Franceschini parlasse con il mondo produttivo, capirebbe che più che un Paese per viaggatori, conviene avere paese bello per i turisti e per gli investitori.

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano assiste enti pubblici e organizzazioni turistiche a disegnare e attuare politiche e progetti che creino valore economico. Il suo ruolo é fornire dati e fatti concreti a chi prende le decisioni. E’ stato per conto della Commissione Europea coordinatore della rete di destinazioni turistiche europee di eccellenza EDEN.

Leggi gli altri post di Antonio Pezzano

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.