Social media. Perché no!

1

I social media funzionano?

Qualche mese fa scrissi un post, aggiornandolo ogni due mesi, sui motivi per i quale era utile o inutile considerare i social come strumento di promozione delle destinazioni turistiche. Le motivazioni a favore e contrarie non erano prettamente mie. Io mi ero solo limitato a riportare la sintesi e i link a post e articoli scovati nel web.

Con la stessa tecnica, vi propongo la sintesi definitiva del dibattito con uno slogan che ormai in molti hanno capito: i social funzionano solo se paghi, quindi se li utilizzi come media tradizionali. L’ironia della sorte è che a dirlo sia l’agenzia promossa come agenzia social dell’anno.

The solution: Utilize Facebook not as a social network, but a “media channel.”

The strategy requires a fundamental rethinking of how to utilize Facebook, starting with the metrics and key performance indicators that brands use to validate its impact. BBDO encouraged clients to shift from conventional engagement metrics such as likes, shares and comments,” which the agency found did not correlate well with business results and shifted to so-called “impact-led metrics” measuring explicit actions for the brand.

Quindi, stop alle classifiche dei like. In termini di vendita non valgono un fico secco.

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano assiste enti pubblici e organizzazioni turistiche a disegnare e attuare politiche e progetti che creino valore economico. Il suo ruolo é fornire dati e fatti concreti a chi prende le decisioni. E’ stato per conto della Commissione Europea coordinatore della rete di destinazioni turistiche europee di eccellenza EDEN.

Leggi gli altri post di Antonio Pezzano

1 Commento
  • Enrico Giammarco
    febbraio 22, 2017

    Credo che questo discorso sia valido ormai per ogni singolo asset del grande calderone chiamato web marketing.

    La causa? La concorrenza. Quel che prima riuscivi a ottenere gratuitamente grazie alla competenza (e magari a un vantaggio temporale) ora lo devi pagare. In advertising, in tool sempre più performanti, in hosting, certificati, ecc…

    Mettiamoci l’anima in pace, il digitale è diventato un mercato come tutti gli altri. Perché maturo.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



*