Storia di un venditore di camere, di una OTA e di un tour operator italiano

0

Oggi ho avuto la fortuna di intercettare un interessante dibattito su Twitter nel quale, partendo da una ipotesi di Stefano Quintarelli – ripresa da Roberta Milano e da Gianluca Diegoli – si valutava il rischio che avrebbe corso l’Italia se Google o Booking avessero deciso di oscurare la visibilità del nostro paese su internet. Per intenderci una di quelle pratiche che di solito mettono in atto la Russia con il gas e l’Opec con il petrolio.