Tariffe alberghiere: ancora cattive notizie da tHPI, l’indice di Trivago

Affidiamoci alle previsioni del tempo

Vi chiederete il perché delle previsioni del tempo… c’è un perché. In passato usavo tre indici per comprendere come sarebbe andata la stagione, come stava andando e come era andata.

Il primo lo recuperavo dall’Istat, era la spesa media che gli italiani avrebbero riservato alle vacanze estive. Costruivi un pacchetto un filo sotto quel livello e ti recuperavi una bella fetta di mercato.
Il secondo lo si otteneva dalla rete, anche quando non c’era la rete di internet, c’era sempre una rete di persone che si informava e incrociava i livelli tariffari praticati dai concorrenti. Si, son cose che si facevano anche prima che arrivassero i comparatori.
Il terzo, quello per sapere come era andata, lo recuperavo dai bollettini di Federalberghi circa l’andamento del numero degli occupati del settore.

Lo so, i revenue manager, si staranno piegando dalle risate, ma il sistema funzionò egregiamente per diverso tempo. Addirittura, per il timing delle tariffe, mi avvalevo delle previsioni del tempo, in passato ci azzeccavano di più che adesso, anche se Campobasso era quasi sempre non pervenuta.

Attualizzando questi tre indici vediamo di fare un ragionamento. La spesa media che le famiglie destinano alle vacanze è sempre più bassa, anche alla luce del particolare momento a livello economico. La situazione degli occupati la si può notare nel grafico che segue:

Manca il dato 2012 ma non credo che si vedrà confermata l’inversione di tendenza del 2011. Del resto, quelle che sono le rilevazioni relative al secondo indice di cui vi parlavo non evidenziano una migliore situazione.

Secondo il tHPI di Trivago il primo bimestre 2013, a livello di previsioni tariffarie, non promette niente di buono. Analizzando i dati si nota che Firenze viaggia un filo sotto alle tariffe 2012, Venezia fa leggermente meglio del 2011ma resta abbondantemente sotto i livelli dell’anno scorso, ma le peggiori sono Roma e Torino che fanno registrare tariffe che, dal 2010, non sono mai state così basse.

E non credo che sia solo una questione “tutta italiana”. Anche Londra e Parigi, secondo Trivago, seppur in maniera meno marcata, sono sotto alle tariffe dell’anno precedente.

Voi mi direte, certo i prezzi diminuiscono ma le presenze forse son di più? Non ci giurerei anche perché il PIL del turismo italiano parla chiaro.

Che fare quindi se non affidarsi alle previsioni del tempo!?

Photo by Erik Witsoe on Unsplash

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.