Il mio portale è più bello del tuo

Pare un mantra ricorrente, associazioni, enti territoriali, gruppi e consorzi fanno a gara a sviluppare il loro sito con annesso “portale di booking”, sperando… non si sa bene cosa se si considera la situazione attuale e la potenza delle OLTA sul mercato.

Ovviamente, nella migliore tradizione di economia competitiva, tutti questi portali sono assolutamente incompatibili fra di loro, usano database diversi, descrittori diversi e terminologie diverse. Ciò, come già detto più volte non può produrre risultati concreti (vedi per esempio qui: http://tdlab.beniculturali.it/perche-interoperabilita/ e qui: http://www.ledonline.it/Rivista-Scienze-Turismo/Allegati/RST-IV-1-2-Antonioli.pdf).

Ma si continua così. La storia ci dà altri mirabili esempi di situazioni simili, che forse non tutti ricordano bene.

Uno splendido esempio viene da lontano.
Siamo a Roma, Tullo Ostilio è appena diventato il terzo re (673 a. C.). Roma sta aumentando sempre più la sua potenza e lo scontro con la vicina Alba Longa è inevitabile. Come racconta Tito Livio (Ab Urbe Condita, I), mirabile story teller (ci sarebbe da imparare…), per evitare uno scontro che si preannuncia sanguinoso, viene stabilito che le sorti del conflitto siano decise da un duello fra tre soldati di ciascuna città. Per i romani scendono in campo i tre fratelli Orazi, per Alba Longa altri tre fratelli: i Curiazi.

La storia è nota. All’inizio i Curiazi riescono a uccidere due degli Orazi. Poi, benché feriti, si lanciano contro il terzo che però, vistosi in pericolo, finge di fuggire. I tre, feriti in modi diversi, si separano nell’inseguimento e l’Orazio superstite ha buon gioco nel sopraffare i nemici presi uno a uno, decidendo così la vittoria di Roma (consiglio però caldamente di rileggere le parole di Tito Livio. Testo e traduzione qui: http://www.progettovidio.it/dettagli1.asp?id=2811&opera=Ab%20urbe%20condita&libro=Libro%20I)

Ecco, mi pare di rivedere questo nella sindrome del portale.

Immagine da Wikipedia Di Cavalier d’Arpino – Marie-Lan Nguyen (2009), Pubblico dominio

Rodolfo Baggio

Rodolfo Baggio

Rodolfo Baggio ha una laurea in Fisica e un PhD in Tourism Management. Dopo aver lavorato per più di vent’anni come informatico in alcune note “aziende leader del settore”, da una decina d’anni si è dedicato all’insegnamento universitario, in Italia e all’estero, e alla ricerca sui sistemi turistici complessi e sulle loro relazioni con le tecnologie informatiche. Ha pubblicato una mezza dozzina di libri e un centinaio di articoli per conferenze e riviste scientifiche internazionali.

Leggi gli altri post di Rodolfo Baggio

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.