Grandi e piccoli eventi, grandi e piccoli abbagli

0

Gli eventi portano davvero vantaggi economici alle destinazioni?

Leggo sulla stampa che il tema forte della 65ˆ assemblea di Federalberghi é il valore dei grandi e dei piccoli eventi.

Ammesso che gli eventi portino dei benefici, chi paga il conto? Ovvio, Pantalone. In un paese che ha, nonostante un livello di tassazione esoso, il 132% di debito pubblico o, in altri termini, tasse differite, la soluzione ai problemi del turismo é ulteriore spesa e quindi maggiori tasse per il futuro? Sia chiaro, non intendo discutere il valore simbolico, culturale e anche di identità di molti eventi, tuttavia – da un punto di vista economico – dai mondiali di calcio del 90’ ad Expo, non mi sembra ci siano buoni argomenti per sostenere che i benefici siano stati superiori ai costi sostenuti dalla collettività.

Gli studi sui benefici economici degli eventi tendono a sottostimare i costi (ad esempio maggiori tasse in futuro) e a sovrastimare i ricavi; per considerare l’efficacia turistica di un evento bisogna valutare tanti aspetti.
Primo, quanta parte dei flussi turistici é realmente attribuibile all’evento?

Come scriveva il prof. Perotti su EXPO in un articolo che vi invito a leggere per intero, [..] si attendono 20 milioni di visitatori, di cui circa 15 milioni italiani. I loro consumi non sono tutti aggiuntivi. Ovviamente nei due giorni che visita l’Expo il visitatore riduce altri tipi di consumi: se non avesse visitato l’Expo, magari sarebbe andato al ristorante nella sua città, oppure allo stadio, oppure a un museo. Tutti questi consumi mancati dovrebbero essere conteggiati in riduzione dei consumi aggiuntivi. 

Inoltre, quanti investimenti privati addizionali sono attribuibili all’evento? La pubblicità generata dall’evento ha cambiato la percezione e l’appeal di una località o un paese?
Mi rendo conto che spesso ci sono strumenti limitati per rispondere a queste domande, tuttavia in passato ho utilizzato una cartina tornasole che va dritto al punto. In alcuni studi ho chiesto ai principali operatori turistici fino a che punto ritenessero fosse necessario co-finanziare con i propri soldi l’evento oggetto dell’analisi. La risposta la potete immaginare. Ovviamente, ci sono le eccezioni.

Oggi, sono pochi i paesi sviluppati disposti a sostenere i costi dei mega eventi. Perché nessuno vuole ospitare le Olimpiadi? Forse é il caso di non farsi abbagliare dalle luci di studi che promettono i miracoli, di porsi maggiori domande o, semplicemente, in molti casi si dovrebbe dire di no.

Immagine Max Pixel (1)

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano

Antonio Pezzano assiste enti pubblici e organizzazioni turistiche a disegnare e attuare politiche e progetti che creino valore economico. Il suo ruolo é fornire dati e fatti concreti a chi prende le decisioni. E’ stato per conto della Commissione Europea coordinatore della rete di destinazioni turistiche europee di eccellenza EDEN.

Leggi gli altri post di Antonio Pezzano

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.