Isola d’Elba: hotel, social media e internet, un sondaggio dallo scarso successo.

Nei primi giorni di marzo Officina Turistica ha inviato 116 e-mail contenenti un link per proporre, agli alberghi inseriti nella classifica di TripAdvisor relativa al’Isola d’Elba, un sondaggio circa l’utilizzo della rete e dei social network.

Solo 13 strutture hanno risposto al sondaggio, poco più del 10%. Una ventina di e-mail sono tornate indietro (gli indirizzi li abbiamo ricontrollati e sono stati recuperati dai siti internet delle strutture). Ecco le risposte alle varie domande.

1. Categoria dell’hotel
25% a due stelle, 25% a tre stelle, 33,4% a quattro stelle, 16,7% Cav, non risposto 1

2. Il sito internet ufficiale dell’hotel ha un sistema per le prenotazioni on line?
il 53,8% si, il 46,2% no

3. L’hotel è commercializzato sui principali portali di prenotazione on line? Se si quali?
in cinque hanno preferito saltare questa domanda, il 75% di chi ha risposto utilizza Expedia, Booking.com il 100%, lastminute.com l’87,5%, Hrs il 50,0%, Hotel.de il 62,5%, Traveleurope il 62,5%, Venere l’87,5%, Rates to go il 25,0%, Orbitz il 25,0%, Hotelbeds il 12,5%, CentralR il
12,5%, Whl il 25,0%.

4. Il sito ufficiale dell’hotel consente di condividere i contenuti sui social network?
il 69,2% ha risposto si

5. La struttura è presente sui social network e se si quali ha attivato?
uno degli intervistati non ha risposto, l’83,3% ha un profilo aziendale Facebook, il 50% ha attivato un profilo personale Facebook, il 58,3% è su Twitter, il 41,7% ha un canale You Tube,
l’8,3% è attivo su Vimeo, il 41,7% ha una galleria Flickr, nessuno è su Anobii e Slideshare.

6. L’hotel ha un blog aziendale? Se si, con quale frequenza viene aggiornato?
il 49,2% di coloro che hanno risposto non ha un blog aziendale, il 14,3% posta con frequenza mensile, un’altro 14,3% posta con cadenza bimestrale, il 28,6% pubblica più di un post a settimana.

7. Nello staff dell’hotel è prevista una figura che si occupi di curare la reputazione on-line?
il 76,9% delle strutture che hanno risposto dispongono di una persona che si occupa della reputazione on-line.

8. Pensi di destinare delle risorse per la gestione della vostra reputazione on-line?
il 92,3% ha risposto positivamente.

9. Hai preso in considerazione di affidare ad una struttura esterna la gestione della tua reputazione on line?
il 69,2% intende provvedere direttamente, il 15,4% lo sta già facendo, il 15,4% vorrebbe affidarla a terzi ma non sa a chi rivolgersi.

Nessun commento se non la scarsa considerazione al sondaggio e a Officina. Lo riproporremo tra un anno e vedremo cosa cambierà… Se voi invece vi siete fatti un’idea commentate pure sul blog.

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

5 Commenti
  • Alessandra Farabegoli
    Aprile 15, 2011

    poi parli con gli albergatori, e il problema sono le recensioni su tripadvisor

  • asibiker
    Aprile 15, 2011

    Ciao premetto che non ci conosciamo ma seguo spesso il tuo blog e trovo gli articoli molto interessanti…
    La non risposta può avere alcune cause tra cui:
    1) Mail letta da personale non competente in materia;
    2) Può essere stata vista come scocciatura (spam). Avevi il consenso di inviare il questionario?
    3) Gli hotel ricevono molte mail e quindi possono averla valutata superflua;
    4) Con quale software hai elaborato il sondaggio? Può essere che una volta che hanno interrotto la compilazione del questionario non gli sia stato più possibile proseguire fino alla fine?
    5) Hai valutato che la non risposta di molti hotel sia dovuta al fatto che hanno considerato il tuo sondaggio una ricerca di benchmark per loro concorrenti diretti???
    Magari ci si trova al prossimo BTO.
    Ciao
    Vittorio Tessari

  • Robi_Veltroni
    Aprile 15, 2011

    Ciao Vittorio, in effetti non era un sondaggio effettuato da una multinazionale 🙂 officina per adesso è una passione e fa le cose alla buona. Poteva essere considerato spam, poteva essere superflua, tutte cose che avevo messo in conto e sono giustissime. Da qui a ritenere quel sondaggio una operazione di controllo della concorrenza la vedo dura. A quelle domande chiunque potrebbe rispondersi da solo, basta fare qualche ricerca su google. Intimamente credo che sia dipeso dal fatto che tanti hotel siano ancora chiusi e che il tuo primo punto abbia colto nel segno. 🙂 Chissà forse ci vediamo prima sull'isoletta. Ciao e grazie, continua a seguire officina e se hai qualcosa da scrivere, qui c'è spazio per tutti…

  • GotoElba
    Aprile 15, 2011

    Dall'anno scorso abbiamo creato un progetto 2.0 dedicato all'isola d'elba. Un blog (www.gotoelba.com) con widget di tripadvisor, google map, meteo e news locali il tutto integrato con una pagina fan di facebook (www.facebook.com/gotoelba2.0) con oltre 2000 fan e geolocalizzazione su google map e su fourqaure con venue widget degli hotel aderenti con la possibilità di fare check in nelle strutture.
    Avremmo piacere di avere feed back sul progetto per implemetarlo e svilupparlo ulteriormente!

  • Denis
    Aprile 18, 2011

    Ciao Roberto,

    mi sembra invece tutto ok nel sondaggio. Tipico funneling… 100 contatti -> 10 risposte, 1000 contatti -> 100 risposte… etc. Purtroppo le strutture ad Elba non possono essere 10.000 🙂

    Cmq è anche giusta la considerazione di Alessandra (se l'ho capita bene)… è stata un'operazione talmente mirata, che gli albergatori potevano stare un po' più attenti alla casella di posta.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.