La Regione Toscana in Bit. Promuovere il territorio a suon di ciak

Dal nostro inviato Ivo Riccio 🙂

Alla Borsa Internazionale del Turismo la Regione Toscana, tramite Fondazione Sistema Toscana, ha centrato la sua presenza sul valore del cinema come strumento di promozione del territorio ed espansione del mercato, in particolare verso i paesi Bric: Brasile, Russia, India e Cina infatti sono i nuovi territori da esplorare per i flussi turistici verso la Toscana.

L’avventura, capitanata da Mirko Lalli, con al seguito Robert Piattelli, Davide De Crescenzo e tutto il team di Fondazione, comincia mercoledì 15, prima dell’apertura della Bit, per la conferenza stampa dal titolo: “Toscana, terra di Cinema. Turismo in technicolor“, dedicata al mondo del cinema e con anticipazioni dedicate al mondo turistico intorno alla Toscana.
Pronti via: alle 17.30 si comincia e ad introdurre la conferenza stampa, ci pensa una clip dove si citano tutti i più grandi film girati per le colline, i borghi, le vie storiche, le piazze più visitate della Toscana. Tra “La vita è Bella”, “Amici miei” e “James Bond Quantum of Solace” e molti altri la clip ci trascina sulle onde dell’emotività al ricordo delle zone più belle: Siena, Firenze, Lucca, Pistoia, Grosseto, Livorno.

Così si comincia a parlare di cinema, film e ambientazioni da utilizzare per promuovere la destinazione turistica, anche qui, a detta dell’assessore regionale Cristina Scaletti, la regione fa la sua figura essendo tra i set più ricercati per le produzioni cinematografiche. Si cita il caso della soap opera “Passione” e delle altre telenovelas che raccolgono un numero tale di spettatori che in Italia ci sogniamo (si è parlato di cifre intorno ai 10milioni di spettatori).
A conclusione della serata e a dimostrazione della crescente attenzione verso i mercati della zona Bric, un breve filmato “Bollywoodiano” dove alcune testimonianze di persone indiane hanno reso omaggio alla terra toscana citando i loro posti preferiti e le suggestioni che certi scorci hanno lasciato loro.

Giovedì invece è stata la volta, a partire dalle 13.30, della conferenza stampa sull’”Innovazione e Turismo 2.0” dove, a turno, sono stati presentati nuovi scenari per la promozione come il social commerce o il gaming, ma è stato anche presentato il lavoro fatto fino ad ora dalla Regione: il portale intoscana.it con i suoi tematismi, o meglio tutte le categorie e i temi pensati agli utenti, ma anche il ruolo dei social media e l’importanza di presidiarli per potersi relazionare con i turisti, promuovere il territorio e portare nuovi visitatori in Toscana. Strizzando l’occhio al Bric 😉
Tra le iniziative mostrate ne porto a casa due interessanti in particolare: il cinema come promozione del territorio e i QR code al servizio dei turisti. Queste due “novità” (tra virgolette perché in realtà sono già state utilizzate per altri progetti).
Mi hanno colpito perché l’una, il cinema per promuovere una destinazione, mi ha fatto una buona impressione sentire la presentazione della strategia con la quale viene comunicato il brand Toscana in Brasile ad esempio. Con tanto di pubblicazione in portoghese, indirizzata ovviamente ad un target preciso, mirato per colpire uno dei mercati ad espansione più alta.
L’altra perché il QR code credo rimanga sempre uno strumento indispensabile per portare on line iniziative che partono off line, creando quella crossmedialità e quel mix di comunicazione che dovrebbe avere una buona campagna di comunicazione.

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

1 Commento
  • Barbara Bueno
    Febbraio 17, 2012

    Peccato questa volta non c'ero. Mi fa sempre piacere sentire tutto quello che parlano della relazione Italia-Brasile… 🙂

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.