HICON 2021, Hospitality Innovation Conference

HICON 2021, l’Hospitality Innovation Conference arriva alla sua quarta edizione e torna in presenza il 2 dicembre, nella nuova location del Dumbo Bologna.

Un evento interamente dedicato all’innovazione nel settore turistico, dalle destinazioni all’ospitalità, che da oramai quattro anni vede succedersi sui suoi palcoscenici esperti e personalità internazionali che apportano e illustrano una visione del prossimo futuro del travel, spesso in quanto protagonisti delle evoluzioni in atto.

L’evento è nato e cresce anno dopo anno grazie alla partnership tra TeamworkThe Data Appeal Company, e anche quest’anno vedrà l’avvicendarsi di innumerevoli relatori e interventi suddivisi in tre sale corrispondenti alle tre qualità dell’operatore/amministratore turistico ideale: Visionary, Creative e Smart.

Il programma di HICON 2021

Il programma di HICON 2021 prevede illustri relatori internazionali per un approfondito focus sui futuri pilastri del settore turistico, un’industria a tutti gli effetti, con zoom specifici su ospitalità, enogastronomia, esperienze, destinazioni e tecnologia, non fine a se stessa, ma al servizio del settore e come fonte di ispirazione e slancio.

Quest’anno partiremo però dalle basi, da ciò che influenza radicalmente il settore e i flussi a esso connessi: l’economia, a sua volta influenzata dalla geopolitica, e poi le infrastrutture e i trasporti. 

Hospitality e Destinations restano il fulcro e il cuore pulsante dell’evento, e guarderemo al loro futuro attraverso tre filoni principali: Innovation, Sustainability e Markets & Trends

L’abbiamo detto, HICON torna in presenza, al Dumbo Space di Bologna, ma come le nostre vite e come l’ospitalità di oggi e domani, punta all’hybrid. La giornata del 2 dicembre vedrà quindi una diretta streaming dalla nostra main hall, Visionary, per chi acquista il biglietto scegliendo di seguire la conferenza online, mentre tutti gli interventi saranno disponibili dal 7 dicembre, per una visione on demand. 

Condurranno Giancarlo Carniani, Mirko Lalli, Mauro Santinato, Nicola Delvecchio e la sottoscritta.
​​

Hicon 2021

Hicon 2021, Hospitality Innovation Conference

Perché partecipare a HICON?

Per tantissime ottime ragioni, partendo dal capire e valutare se stiamo guardando al futuro e se lo stiamo facendo puntado nella giusta direzione, quella di chi innova e ha una visione del quadro generale, del nostro settore, ma non solo.

Cosa abbiamo imparato dagli ultimi 20 mesi? In che modo questo influirà sul modo in cui le persone pensano e viaggiano? Quali sono le nostre aspettative nei confronti della sostenibilità, del digitale, della sicurezza e dell’empowerment degli ospiti? Perché è proprio così, le aspettative e le esigenze dei turisti cambiano costantemente, e sempre più velocemente, col cambiare del nostro stile di vita, sempre più legato alla tecnologia e alle sue evoluzioni e in funzione delle nuove macro-tendenze globali.

Perché questo rende il settore del travel estremamente competitivo e tende a tagliare fuori chi resta indietro ed è per questo fondamentale tenere traccia delle ultime tendenze e stare al passo con i tempi.

Perché il 2 dicembre analizzeremo quindi gli ultimi trend tecnologici: dall’Internet of things alla realtà aumentata, fino alle wearable e recognition technology e molte altre innovazioni che i cittadini daranno molto presto per scontate, aspettandosi di trovarle in qualsiasi destinazione o alloggio, come a casa.

Ci confronteremo inoltre con le DMO e i marketing manager di destinazioni turistiche internazionali e nostrane, per capire quali siano le loro nuove strategie di sviluppo data-driven e di come queste stiano affinando mercati, trasformando progetti e migliorando investimenti.

Parleremo approfonditamente di sostenibilità, dal turismo all’ospitalità sostenibile, tra ambiente, economia, esigenze socio-culturali e di sviluppo. Perché non si tratta semplicemente di una tematica giusta e urgente per il nostro settore, ma di uno degli elementi principali del nuovo concetto di lusso.

Perché quando si partecipa a un evento come questo, anche quando si conoscono argomenti e relatori, ci si porta sempre a casa qualcosa, non fosse che qualche prezioso spunto per migliorare la gestione della propria struttura ricettiva o della propria destinazione e perché il ritorno in presenza consente anche un ritorno allo scambio di opinioni dal vivo, a mio parere essenziale.

Nel mentre, potete anche vedere Hicon 2020: 24 ore di interventi e formazione per 70 relatori internazionali.

Silvia Moggia

Italo-argentina cresciuta alle Cinque Terre, laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Francia in Mediazione Culturale e Gestione dello Spettacolo, dopo un anno presso l’agenzia internazionale IMG, ha iniziato a lavorare alla direzione della programmazione e artistica dell’Opéra di Parigi nel 1998 per poi essere nominata direttrice di produzione e programmazione al Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia nel 2005. Dal 2011 è tornata in Italia per motivi familiari riconvertendosi nel settore turistico e ha da poco ultimato il master in Hospitality 360 presso la Cornell University, dopo il corso in Tourism Management presso la stessa università. Gestisce il boutique hotel di famiglia a Levanto, si occupa di promozione e sviluppo per altre strutture ricettive e destinazioni, è social media manager per The Data Appeal Company e per Vertical Media è incaricata delle strategie di marketing e comunicazione di Destination Florence. Nel tempo libero viaggia ed è web writer nel settore travel e scrive un proprio blog di viaggi indipendenti in solitaria.

Leggi gli altri post di Silvia Moggia

 
TwitterLinkedIn

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.