Disparity rate in Italia: una ricerca di Trivago

Arriva fresca fresca via Twitter una recente ricerca di Trivago circa la disparity rate in Italia. Dati interessanti sui quali riflettere e aprire una discussione: una tariffa troppo diversificata rafforza o indebolisce il brand di una struttura? Personalmente credo che tutte queste differenze non siano frutto di strategie di marketing bensì di un errato utilizzo degli strumenti a disposizione degli albergatori e di scarsità di tempo dedicato alla cura

strategica dei canali di vendita online. Ovviamente il tutto a favore dei siti di comparazione dei prezzi che, secondo le ultime statistiche, risultano quelli più visitati e utilizzati dai consumatori e non solo nel settore del turismo.

Su Officina ho trattato altre volte la questione, per leggere gli articoli clicca qui (il primo parla di una ricerca di Xotels), mentre per leggere l’ultima interessante indagine di Trivago.it dal titolo La disparity rate corre sul web clicca qui.

Che ne pensi? Un tuo commento è molto gradito.

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.