Intervista a Giulio Schenone, AD di Blu Navy

0

Blu Navy è sempre più una realtà che resta però lontana da internet tanto da far sorgere qualche dubbio a chi cerca di comprenderne le strategie commerciali. E’ per questo che ho incontrato Giulio Schenone, AD di Blu Navy, per rivolgergli le classiche quattro domande delle interviste di Officina Turistica.

D. Per quale motivo avete deciso di investire su questa rotta e in particolare sull’Elba?

R. Le ragioni del nostro investimento sulla rotta Piombino/Portoferraio sono essenzialmente due:
La prima e’ dovuta al fatto che ci è stato presentato un business plan interessante (ancorché all’epoca ancora molto incompleto) che ha stimolato la nostra curiosità e che ben si conciliava con la volontà di diversificazione rispetto alle nostre attivita’ consolidate.
La seconda che – venendo personalmente all’Elba da oltre quaranta anni e avendo vissuto (da semplice utente) le problematiche legate al trasporto marittimo in questo territorio – abbiamo creduto di poter offrire un servizio realmente differente e di crearci quindi uno spazio nel mercato.

D. A mio avviso una buona dose di competitività la Toremar l’ha persa nei confronti di Moby per la scarsa presenza su internet. Voi come intendete agire? Quanto ritenete strategico il web per la commercializzazione e lo sviluppo di Blu Navy? Per quale motivo la vostra presenza sul web, me lo lasci dire, adesso è quasi nulla?

R. Il web è la nostra idea di marketing strategico o quantomeno lo sara’ sempre di più nel prossimo futuro.
Il motivo per cui la nostra presenza sul web è ancora poco incisiva è sostanzialmente dovuto al fatto che nei primi 90 giorni di start-up della Compagnia ci siamo dovuti dedicare prioritariamente all’approntamento della nave, dei servizi a bordo, della selezione del personale, delle biglietterie a Piombino e Portoferraio, alle relazioni con le agenzie di viaggio, con le Istituzioni e quant’altro..

Credo che già in questi ultimi giorni la presenza di Blu Navy sul web sia più marcata ed in questa direzione abbiamo intenzione di proseguire.

D. Come è stata accolta Blu Navy dagli elbani e dalle due compagnie concorrenti?

R. Blu Navy e’ stata accolta molto bene dalla comunità elbana; non sono mancate (e non mancano) alcune critiche, che recepiamo con spirito assolutamente costruttivo.
E’ normale che ci sia ancora un po’ di “diffidenza”, soprattutto sulla reale volontà di Blu Navy di dare continuità al servizio nel periodo autunnale e invernale, ma credo che si tratta di un fatto temporaneo.
Circa le altre due Compagnie concorrenti….”mi avvalgo della facoltà di non rispondere”…!

D. La quarta e ultima domanda è scontata e abbastanza semplice: dottor Schenone cosa c’è dietro a Blu Navy?

R. La volontà di due imprenditori di creare un’alternativa reale all’attuale situazione di trasporto nel canale di Piombino e di consolidare questa presenza alternativa nel tempo.

Ringrazio il dottor Schenone per il tempo che ha dedicato ad Officina Turistica.

Photo credits: shippingonline.ilsecoloxix.it

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.