Destinazioni data-driven: la Scozia

Le destinazioni data-driven sono il prossimo futuro della gestione turistica e, a determinate latitudini, sono già una realtà molto concreta in termini di management e sviluppo turistico. Si tratta di destinazioni che monitorano sistematicamente i pricipali indicatori che influenzano e talvolta determinano le scelte dei viaggiatori, la composizione, le preferenze e i comportamenti dei visitatori stessi.

Nella prima puntata di Data-Driven Destinations Mirko Lalli ha intervistato Janice Kurrle, Marketing Manager della South Australia Tourism Commission per i mercati UK ed Europa occidentale (Francia, Germania, Italia) e abbiamo recentemente approfondito destinazione e intervista.

Destinazioni data-driven: la Scozia

Oggi vi propongo l’intervista esclusiva a Joshua Ryan-Saha, Direttore di Traveltech for Scotland.

Lanciato nel 2020, Traveltech for Scotland è finanziato congiuntamente da Scottish Enterprise e dal Fondo Strutturale e di Investimento Europeo 2014-2020 attraverso il programma scozzese per l’ecosistema di ricerca, innovazione e tecnologia (SPRITE). Dalla sua creazione ha sviluppato collaborazioni con partner del settore al fine di supportare la comunità turistica scozzese in piena crescita e le aziende del comparto a capitalizzare in materia di formazione, finanziamenti, apprendimento e nuove opportunità.

Dalla sua creazione Traveltech for Scotland ha collaborato con un piccolo team di esperti leader del turismo per creare una piattaforma per aiutare le aziende a sviluppare le proprie capacità digitali. È così nata la Traveltech Directory, progettata per aiutare le imprese turistiche a trovare le tecnologie e strumenti internazionali di cui hanno bisogno, dai servizi contactless per la gestione della clientela, al monitoraggio e la tracciabilità dei flussi, dalla creazione di nuove esperienze digitali alle campagne di marketing e lead generation.

L’obiettivo è supportare la Scozia, patria di Skyscanner, affinché diventi uno dei principali hub traveltech in Europa, insieme ad Amsterdam, Berlino e Barcellona, trovando il mercato, gli investimenti e i talenti di cui le organizzazioni e imprese turistiche del paese hanno bisogno, sapendo che nel 2019 sono stati assicurati 120 milioni di sterline in capitale di rischio nel settore tecnologico a Edimburgo e nel 2020 il fatturato del settore è stato di 3,9 miliardi di sterline (Tech Nation 2019-2020).

Joshua Ryan-Saha sottolinea che “dal lancio, siamo rimasti colpiti dall’agilità e dalla resilienza delle aziende traveltech e dal loro impegno a fornire tecnologia innovativa in un ambiente stimolante. Queste tecnologie stanno già aiutando le imprese turistiche scozzesi ad adattare i loro prodotti e servizi per soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei clienti. Traveltech giocherà un ruolo importante nel rimettere in piedi il settore turistico scozzese e la Traveltech Directory aiuterà le aziende turistiche a connettersi con i pionieri della tecnologia dei viaggi.”

Nel corso dell’intervista rilasciata a Mirko Lalli si è parlato soprattutto delle strategie data-based adottate per migliorare l’esperienza dei visitatori durante l’evento estivo più importante del paese, l’Edinburgh Festival, e più in generale per prevedere i flussi turistici in Scozia.

L’intervista integrale:

Silvia Moggia

Italo-argentina cresciuta alle Cinque Terre, laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Francia in Mediazione Culturale e Gestione dello Spettacolo, dopo un anno presso l’agenzia internazionale IMG, ha iniziato a lavorare alla direzione della programmazione e artistica dell’Opéra di Parigi nel 1998 per poi essere nominata direttrice di produzione e programmazione al Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia nel 2005. Dal 2011 è tornata in Italia per motivi familiari riconvertendosi nel settore turistico e ha da poco ultimato il master in Hospitality 360 presso la Cornell University, dopo il corso in Tourism Management presso la stessa università. Gestisce il boutique hotel di famiglia a Levanto, si occupa di promozione e sviluppo per altre strutture ricettive e destinazioni, è social media manager per The Data Appeal Company e per Vertical Media è incaricata delle strategie di marketing e comunicazione di Destination Florence. Nel tempo libero viaggia ed è web writer nel settore travel e scrive un proprio blog di viaggi indipendenti in solitaria.

Leggi gli altri post di Silvia Moggia

 
TwitterLinkedIn

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.