Con Tingo, se non sai fare revenue, Tripadvisor ti massacrerà.

E’ ancora presto per sapere se Tingo avrà successo ma il nuovo sito “fratello” di Tripadvisor ha una caratteristica che potrebbe sembrare innocua ma che potrebbe essere devastante per gli albergatori.
A quanto ho capito il sito calcola automaticamente se la tariffa della camera sta scendendo e altrettanto automaticamente rimborsa il cliente.

Quindi immagino che se un albergatore all’ultimo momento abbassa la tariffa della camera con un significativo last minute, questo gioiellino di sito annulla automaticamente le prenotazioni precedenti e effettua una nuova conferma con il nuovo prezzo.

E’ un sistema quindi che penalizzerà coloro che fanno revenue all’incontrario, cioè abbassano le tariffe strada facendo anziché partire “bassi” e alzarle sotto data con il ridursi delle disponibilità.

Pare che gli allotment siano quelli di Expedia ma non ho ben capito su quali inventari di camere agiranno, se solo su quelli di Expedia o su quelli di tutte le OLTA affiliate a TripAdvisor o solo su quelle del gestore del sito che è Smarter Travel Media (sempre del gruppo Tripadvisor) e che nel suo portafoglio controlla anche altre OLTA e anche aziende di Deal e Couponing.

Per capire l’entità delle cifre in gioco Tingo ha calcolato che solo negli USA questo meccanismo avrebbe creato risparmi (i rimborsi avvengono dopo pochi giorni dal check-out) per 300 milioni di dollari, soldi che ovviamente andrebbero a ridurre le vendite degli albergatori che all’ultimo momento, come si dice in gergo, si sbragano.

Se a New York 200 hotel hanno abbassato le tariffe “sotto data”, anche in Europa la musica non cambia, Tingo ha osservato che a Parigi sono stati ben 500 e a Londra 270 sempre nello stesso periodo di monitoraggio.

Il mercato del turismo, così come tutti quelli che “vivono” su internet si sta sempre più diffondendo rendendo sempre più liquida la commercializzazione, creando sempre più difficoltà a chi non saprà gestire scientificamente le proprie tariffe.

Immagino che le altre OLTA dovranno correre ai ripari per mettere in campo strategie che vadano oltre al semplice Miglior Prezzo Garantito e ci sarà da vedere se tale pratica porterà gli albergatori a ridurre gli allotment alle OLTA – che sarebbe cosa buona e giusta. Inutile aggiungere che se i viaggiatori risparmieranno 300 milioni di dollari, a perderne una sessantina in commissioni saranno le OLTA. Staremo a vedere, nel frattempo migliorate la vostra crostata.

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

1 Commento

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.