Collaborare con i blogger [parte quarta]

0

La collaborazione con i blogger oltre i tour: post sponsorizzati, giveaway, guest post e affiliazioni

Nel post precedente abbiamo visto i pro e i contro degli oramai ben noti blog tour e come e in quali situazioni rappresentino uno strumento promozionale efficace.

In chiusura dello stesso articolo abbiamo anche visto le potenzialità dei blogger quando impegnati in tour individuali relativamente autonomi – opzione che vi consiglio – e ho accennato al fatto che le collaborazioni con il mondo del blogging non si esauriscono qui.

Vediamo quindi nel dettaglio i pro e i contro di post sponsorizzati, giveaway, guest post e affiliazioni.

Post sponsorizzati

Un post sponsorizzato può essere prodotto da me o dal blogger col quale decido di collaborare e a ogni modo la sua pubblicazione è soggetta al pagamento di un cachet concordato.

Come sottolineato nel mio primo post su Officina Turistica, anche per questo tipo di accordo è bene mettere tutto per iscritto:

  • tariffa concordata
  • data e metodo del pagamento
  • titolo e linee guida del post
  • revisione del contenuto per eventuali modifiche e approvazione
  • data di pubblicazione
  • numero di condivisioni sui social da parte del blogger
  • altri criteri per voi essenziali

Pro: avendo a disposizione un budget importante i post sponsorizzati rappresentano una soluzione promozionale molto facile e rapida per farmi conoscere.

Contro: per motivi legali, ma anche per non tradire la fiducia dei suoi lettori, il blogger è tenuto a evidenziare che per il post in questione ha percepito un pagamento da parte dell’ente/brand/attività pubblicizzata. Questa trasparenza è sempre auspicabile, ma nel caso in cui il blogger prescelto faccia ampio uso di sponsorizzazioni per monetizzare il suo lavoro la sua influenza potrebbe venir meno.

Collaborare con i blogger [parte quarta]

Giveaway

Il giveaway è un concorso lanciato dal blogger per mettere in palio il prodotto da me prescelto per attirare attenzione: una notte gratis in hotel, una cena, una cesta di prodotti tipici, un city pass o qualsiasi altra cosa possa farmi pubblicità presso i suoi lettori.

Anche in questo caso gli accordi in merito a compenso, tempistica e modalità vanno ovviamente chiariti in partenza.

Pro: l’esposizione in questo tipo di collaborazioni può essere estremamente rapida e, se il target è ben definito, anche proficua sul lungo termine. La call to action del concorso è sempre inserita all’interno di un post che parla di me o più in generale della mia destinazione e può prevedere la crescita della mia mailing list, dei miei fan/follower sui social network, la condivisione del post o una combinazione di queste azioni.

Contro: se il target non è quello giusto e se il mini concorso non è gestito in maniera esemplare – nella fase preliminare, in corso di svolgimento e soprattutto al suo termine – potrebbe rappresentare un effetto boomerang associando il mio nome a quello di una pubblicità ingannevole e ahimè dalla grande visibilità.

Collaborare con i blogger [parte quarta]

In questo post Gina Badalaty riassume alcuni consigli pratici per la gestione di un giveaway di successo. Il target del suo articolo sono i blogger, ma è sempre bene sapere come funzionano le pratiche sulle quali puntare.

Guest post

I guest post, ovvero articoli scritti da me e pubblicati gratuitamente su un blog affine, sono sempre più frequenti nel mondo del blogging e consentono di aumentare authorship e visibilità, con notevoli vantaggi anche per quanto riguarda la SEO. Nel caso di brand turistici non è un fenomeno così sviluppato, ma merita attenzione.

Pro: ho il completo controllo sul contenuto pubblicato e l’attenzione di lettori che altrimenti faticherei a raggiungere.

Contro: unica nota dolente o meglio unica condicio sine qua non è l’alta qualità del contenuto che dovrò produrre. L’articolo dovrà essere di indubbio interesse e utilità per i lettori del blogger che mi ospita e il mio brand dovrà apparire solo marginalmente nel testo giacché lo scopo palese non può assolutamente essere la mia promozione.

Insomma, non è una soluzione alla portata di tutte le tastiere, ma è sicuramente una delle più valorizzanti.

P.S. il guest post non presuppone un pagamento, ma salvo relazioni personali e situazioni particolari, è buona norma chiedere ospitalità a blogger coi quali siano già in corso collaborazioni…

Affiliazioni

I programmi di affiliazione tra Merchant (l’inserzionista/e-commerce) e Editor (il blogger) sono molti e trasversali ai vari settori del nostro quotidiano e si basano sul principio del “Pay Per Action”. Nel settore del travel i più importanti sono senza dubbio alcuno quelli proposti dalle OLTA e dalle compagnie aeree, ma nulla vieta a un piccolo imprenditore o a un ente turistico locale di sviluppare collaborazioni di questo tipo.

Le affiliazioni possono prevedere un compenso fisso o una percentuale in base a PPL (Pay Per Lead) o PPC (Pay Per Click), da monitorare tramite appositi pixel di conversione, oppure in base a PPS (Pay Per Sale), da monitorare tramite un pixel di conversione o un probabilmente più efficace e proficuo coupon personalizzato da utilizzare sul proprio booking engine.

Pro: questa soluzione, se ben strutturata, è applicabile anche alle precedenti, consentendo una continuità nella collaborazione il cui valore sarà quindi misurabile e quantificabile.

Contro: nessuno, se non i pochi minuti necessari alla configurazione di pixel e codici promozionali sul proprio booking engine.

Collaborare con i blogger [parte quarta]

Come già evidenziato più volte, il mondo del blogging è in evoluzione costante così come i canali che lo supportano e le soluzioni e i vantaggi che esso ha da offrire. Tra le cose che però non cambieranno ci sono le basi che presuppongono a una qualsivoglia collaborazione e l’importanza della misurazione dei blogger con cui instaurare una partnership.

Se è vero che il tempo è denaro, quello speso per la selezione di un blog è un investimento.

Silvia Moggia

Silvia Moggia

Vive a Levanto, dove gestisce l’Oasi Hotel, si occupa di promozione turistica e sviluppo culturale. Nel tempo libero è web writer nel settore travel e scrive un proprio blog di viaggi indipendenti in solitaria. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Francia in Mediazione Culturale e Gestione dello Spettacolo, dopo un anno presso l’agenzia internazionale IMG, ha iniziato a lavorare alla direzione della programmazione e artistica dell’Opéra di Parigi nel 1999 per poi essere nominata direttrice di produzione e programmazione al Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia nel 2005.

Leggi gli altri post di Silvia Moggia

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.