La Sicilia su Facebook: intervista a Roberta Iannì e Toti Maiorca

0

Negli ultimi mesi la pagina Facebook Visit Sicily fa segnare buone performance, è seconda per numero di Mi Piace ma sta recuperando terreno con l’obiettivo di tornare ad essere la pagina regionale del turismo italiano più amata dagli italiani. E’ per questo che con la nostra rubrica dedicata ai social media team del turismo italiano questa volta siamo “arrivati” in Sicilia per una intervista un po’ strana 🙂

Il social media team siciliano è composto da due dipendenti dell’Assessorato Turismo della Regione Siciliana:
• Toti Maiorca, cura prevalentemente la parte tecnica e i testi, (aspira al buon uso della lingua italiana, delle virgole, dei particolari, delle belle immagini …)
• Roberta Iannì, adrenalina pura, cura la parte strategica, maestra dell’approccio social – friendly, sempre col muso dentro un articolo di marketing turistico di cui conosce tutta la terminologia tecnica a menadito.
Nel team non c’è nessuna gerarchia, ma una (in)sana voglia di collaborare per raggiungere obiettivi comuni. Toti ha esperienze precedenti in AAPIT Palermo dove si occupava di editoria turistica (guide, opuscoli, depliant) e successivamente del sito web turistico della provincia di Palermo. Dal 2009 si occupa dei contenuti del sito web della Regione Siciliana e dei Social Network.

Roberta ha una lunga esperienza professionale di tipo manageriale maturata nel settore privato in ambito di comunicazione e marketing. Da 7 anni presso l’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Sicilia – Servizio Comunicazione marketing e accoglienza, ha una forte propensione all’innovazione e a cambiare le regole dettate dalle abitudini.

La Sicilia è, tra le regioni italiane, una tra le più attive su Facebook, di recente ha intrapreso un emozionante testa a testa con la Toscana nella classifica dei Mi Piace. Qual è l’obiettivo della vostra attività e la strategia social in generale? 
La Sicilia ha un brand molto forte, la gente di Sicilia è molto accogliente. Noi che siamo appassionati della nostra isola con una voglia spontanea di trasmettere questa passione, troviamo del tutto naturale fare questo lavoro. La sana “competizione” con la Toscana è uno stimolo diretto a far meglio! Se non ci fossero loro non ci riusciremmo! Sinceramente sono più bravi di noi anche se forse sono tanti in più e con maggiori risorse. La nostra strategia non è studiata, nel senso che non abbiamo un piano editoriale studiato a tavolino. C’è tanto di spontaneo e soprattutto non conosciamo orari.
Alcune nostre risposte ai fan partono anche di notte, di sabato, di domenica e giorni festivi. Siamo dentro H24 e poi al mattino, abbiamo da gestire il lavoro amministrativo. Ma va tutto bene, accade così quando si ha modo di appassionarsi al proprio lavoro …

Su quali social network siete attivi? Avete delle iniziative in corso, appuntamenti fissi con i vostri followers?
Siamo presenti su Facebook, Twitter, You Tube, Pinterest e Google Plus. Più attivamente sui primi tre. Non abbiamo appuntamenti fissi con i nostri followers: è un work in progress. Alcune belle testate turistiche apprezzano il nostro lavoro e ci seguono assiduamente, questo ci rende orgogliosi.

visit_sicily

Tra le vostre azioni social, in particolare su Facebook, quali sono quelle più gradite dai vostri followers? 

Puntiamo molto sulla qualità delle foto, su Facebook e Twitter riescono a trasmettere emozioni molto più dei video o dei testi che comunque cerchiamo di inserire in “formato pillola” per dare informazioni turistiche, rinviando spesso al nostro portale turistico o ad altri più specifici sulla notizia. Abbiamo creato una rete di fornitori di immagini tra fotografi professionisti e amatoriali che mettono a disposizione alcuni loro scatti gratuitamente per il piacere di concorrere a fare qualcosa insieme per la loro terra. Diamo spazio a tutti coloro che conoscono, organizzano, vivono eventi di interesse turistico. Cerchiamo di accendere spot luminosi, spunti che stimolino e che facciano da fonte di ispirazione per la costruzione del prossimo viaggio, itinerari tematici, visite d’arte, feste popolari uniche, percorsi naturalistici… Al momento stiamo provando a creare anche una rete, attraverso un gruppo chiuso su Facebook, di ambasciatori turistici siciliani che, appassionati del loro territorio, hanno voglia di trasmettere questa passione dedicandoci parte del loro tempo inserendo, appunto in questo gruppo, contenuti di qualità che possano invogliare a programmare un viaggio in Sicilia.
Il motto del nostro team è: non ci vogliono soldi per fare una cosa bella, ci vuole amore.

Come scegliete i temi che trattate? 
Seguiamo il corso delle stagioni, in estate i nostri amici vogliono mare, mare e poi mare. Nelle stagioni intermedie riusciamo invece a parlare un po’ di tutto. In autunno – inverno sono protagonisti il trekking, la montagna e i parchi naturali, mercati storici, le bellezze artistiche delle nostre città. In primavera le feste religiose e il risveglio della natura (da noi molto precoce). Abbiamo la fortuna di avere tanto e molte cose (c’entra poco la modestia) le abbiamo solo noi. Ad esempio i tre vulcani attivi come Stromboli, l’Etna e Vulcano sono esperienze uniche, arcipelaghi di isole con un mare da tropici, l’arte. Il mischiarsi delle culture dovuto alle dominazioni passate, Greci, Arabi, Normanni, Francesi, Spagnoli ci ha lasciato un appeal culturale molto caratteristico, forse unico. Lo ritroviamo anche nella cucina … Le granite, le brioche con gelato, le arancine e lo street food in genere (Palermo è la quinta città al mondo per il cibo da strada) … insomma abbiamo tanto da cui attingere per attirare l’attenzione dei nostri amici, noi cerchiamo di mostrare al meglio il nostro valore aggiunto… tutto ciò che difficilmente può essere trovato in altre destinazioni.
Ad esempio un’idea che ha avuto successo è stata quella di proporre, in un arco temporale limitato, luoghi suggestivi dove godersi il tramonto all’imbrunire.

smt_sicilia

Avete dei benchmark di riferimento? Come monitorate le vostre attività?

Ne abbiamo parecchi, Italia.it, Visit Trentino, Australia e molte aziende private, soprattutto su Twitter. Ci costruiamo, poi, una nostra sintesi che sembra sia la strada giusta.

Raccontateci la giornata tipo del social media team di Visit Sicily? 
E’ meglio di no… andremmo fuori tema. Siamo dipendenti pubblici, gli input sono di generi diversi e prettamente amministrativi, facciamo di tutto durante la nostra giornata lavorativa e, una volta a casa, c’è la nostra vita privata ma con in testa sempre le nostre pagine web, l’ascolto dei nostri amici e la nostra vetrina sul mondo del turismo.

Grazie

Le interviste già pubblicate: Toscana, Liguria, AbruzzoMarchePuglia, Emilia RomagnaItalia e Veneto.

italia-it-official-brandSe volete seguire l’andamento delle pagine Facebook del turismo regionale italiano non perdetevi la rubrica mensile che curo per lo Studio Giaccardi & Associati di Ravenna. Il report, da novembre 2013 è stato arricchito con l’analisi dalle performance di 21 pagine Facebook delle maggiori nazioni UE scelte per numero di presenze turistiche. Vi ricordo anche, come vedete nell’immagine a lato, che è in corso una campagna a sostegno della pagina Facebook dell’Italia che ha superato da poco quota 200mila like. #Ilikeitaly e voi? Avete messo il vostro like? La pagina Facebook di Italia.it va molto bene, con tassi di engagement veramente degni di nota. E, se funziona, è meglio per tutti!

Il prossimo mese intervista con un altro social media manager del turismo italiano, c’è qualcuno che si offre volontario?

Robi Veltroni

Robi Veltroni

Robi Veltroni è il fondatore di Officina Turistica. Venditore di camere, si occupa di marketing e pubblicità nel turismo da circa vent’anni. Ha iniziato a lavorare in albergo nel 1979: dopo aver vissuto nei viaggi degli altri per oltre trent’anni, si è trasferito in Maremma. Membro del comitato di programma di BTO – Buy Tourism Online. Attualmente è direttore d'albergo, consulente in direzione delle aziende turistiche e dell'ospitalità, formatore in management alberghiero, marketing turistico e web marketing.

Leggi gli altri post di Robi Veltroni

Non ci sono (ancora) commenti.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.